VOGLIO UNA VITA A COLORI

 

LABORATORIO CREATIVO PER IL PAZIENTE ONCOLOGICO

 Itinerart

 Come obiettivo il risultato

 

Il laboratorio creativo mira al risultato perché nel dire “Credevo di non esserne capace” è contenuta la scoperta che fa diventare oggetto estetico la somma delle esperienze intraprese. Occorre soltanto dire a se stessi: “Ci voglio provare”.

!Se l’arte è un modo per crescere

facciamolo insieme

 

Si è soli quando si spingono i pensieri dove non li trova nessuno. Ma noi li vogliamo trovare! perché sappiamo quanto sono preziosi e, soltanto dopo averli trovati, potremo fare insieme a loro un pezzo di strada, almeno fino a quando non si vede la meta.

 

Il laboratorio creativo Itinerart non ha nulla di miracoloso e non è sostitutivo di cure dalle quali dipende il risultato. È semplicemente un luogo impregnato d’arte e di cultura che ha il pregio di far perdere la strada ai cattivi pensieri.

Qui si può dipingere, fare design o scultura, si possono restaurare libri o costruirne di nuovi, si impara a conoscere l’arte attraversandola nelle sue infinite sfumature. Frequentare questo luogo può aiutare a conoscere meglio se stessi e a far emergere le proprie potenzialità creative. 

Il laboratorio è soprattutto un luogo da frequentare per aggiungere questa esperienza alla propria vita. 

 

L’esperienza diretta

 

Ho vissuto anch’io questa esperienza che ti cambia la vita. Sapendo che le battaglie non si combattono a mani nude e non si possono vincere da soli, ho lasciato ai medici il difficile compito di sconfiggere la malattia tenendomi la possibilità  di farla dialogare con il mio vissuto.

 

Ho messo nelle mani della mia malattia tutti i colori che avevo e le ho regalato parole che nessuno conosceva perché anche lei potesse conoscere i sogni della mia vita. Abbiamo parlato e composto opere insieme ma avevamo percorsi diversi da fare; le ho fatto capire che la mia era la strada migliore. Vorrei che altri facessero il mio stesso cammino che conduce in cima alla salita dove il grigio si tramuta in colore.

Far cambiare idea alla malattia non è una cosa da poco. Richiede energie che spesso non ci sono e anche l’ottimismo, che è la cura migliore, appare lontano e non si fa trovare. Ecco allora che serve farsi accompagnare fino alla sorgente delle cose buone dove diventa facile  far specchiare la malattia dentro forme e colori. È contaminando di luce il buio che si può riaccendere il sorriso.

                                                                                 Fiorenzo Mascagna

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
Itinerart-Cultura Via Sant'Egidio 11- 01100 Viterbo - Presidente Fiorenzo Mascagna - www.mascagna.it - tel 320 63 88 040 - Iscrizione n. 2532 albi e registri terzo settore regione Lazio